sabato 11 giugno 2011

Come generare corrente elettrica in camper?

Il problema dell'energia elettrica in camper è forse il più complesso da affrontare. Tuttavia, la tecnologia ha fatto passi da gigante in questo settore, ed oggi possiamo tranquillamente affrontare il problema dell'autonomia energetica senza grandi preoccupazioni, potendo scegliere fra svariate soluzioni gli accessori più adatti alle nostre esigenze. Il vero problema semmai è un altro: riuscire a capire prima dell'acquisto di tali accessori quale sarà il nostro fabbisogno quotidiano di elettricità. Questo passo è fondamentale. Il problema si pone in particolar modo per chi voglia trasferirsi a vivere in camper: in tal caso dovremo avere già un'idea piuttosto chiara dell'uso che faremo del nostro camper. Quanto viaggeremo? Quali accessori vogliamo montare a bordo (ad esempio, condizionatore)? Useremo dei computer? Useremo il camper d'inverno? Ci appoggeremo spesso a camping? Queste sono solo alcune fra le molte domande da porsi.
E' necessario un attento studio preliminare, onde evitare l'acquisto di accessori obsoleti o inadatti alle nostre esigenze.
La questione del fabbisogno elettrico è dunque molto articolata: affronteremo in questo articolo una prima panoramica dei consumi, e presenteremo nei prossimi post una descrizione dettagliata di tutto ciò che il mercato offre per risolvere il problema energetico.
Prima di tutto bisogna distinguere la batteria motore dalla batteria dei servizi: ogni camper dispone di entrambe la batterie, la prima utilizzata per l'accensione del motore, dei fari, etc (così come quella di una comune autovettura), la seconda consiste invece nel serbatoio energetico di base per tutte le utenze elettriche della cellula  abitativa. Il nocciolo del problema consiste proprio nel capire come ricaricare la batteria servizi, in modo che possa sempre garantire il funzionamento di tutti i dispositivi a bordo. E' ovvio che, prima di scegliere quali e quanti accessori acquistare per ricaricare la batteria servizi (pannelli solari, pila a combustibile, generatori etc), dovremo conoscere il consumo energetico di tali dispositivi. Vediamo i più comuni, considerando che una batteria servizi ha in genere una capacità di circa 80-100 Ah (Ampere-ora).

Faretto alogeno da 20W: consuma circa 2 Ah. Ipotizzando 5 ore di utilizzo quotidiano, otterremo 10 Ah di consumo. In alternativa potremo utilizzare luci al neon, che a parità di consumi offrono un'intensità luminosa di gran lunga maggiore. Oppure possiamo sfruttare le luci a Led, ormai sempre più diffuse, che a parità di intensità luminosa, consumano fino all'80% in meno di un normale faretto alogeno. 
 
Pompa dell'acqua: circa 2,5 Ah. Ipotizziamo in media un'ora abbondante di funzionamento al giorno, otterremo un consumo giornaliero di 2,5-3 Ah.

Tv Lcd 15" con antenna tradizionale:  circa 2-2,5 Ah. 

Notebook 15": in media 3-3,5 Ah (il consumo dei computer varia molto in base al tipo di utilizzo: ad esempio, navigare in internet richiede  meno energia rispetto a quella richiesta per un videogioco).

Ventola oblò (utilissima d'estate): circa 2 Ah. 

Stufe e boiler.
Se disponiamo di una vecchia stufa Truma (come nel mio caso), non dovremo preoccuparci del consumo elettrico, se non quando è attiva la termoventilazione (che non assorbe più di 1 Ah). 

Nei camper più recenti troveremo invece stufe come la Truma C (Combi) o i riscaldatori a gasolio Webasto, dispositivi che richiedono notevoli quantità di energia elettrica. Il problema non si pone d'estate, ma d'inverno, quando tali dispositivi rimangono in funzione per molte ore al giorno. Diventa quindi di fondamentale importanza ipotizzare in quali luoghi trascorreremo l'inverno e per quanto tempo: è chiaro che le temperature invernali in Sicilia sono ben diverse da quelle in Trentino!
Riguardo la Truma Combi, che assolve la duplice funzione di stufa e di boiler (per scaldare l'acqua), il consumo ammonta a circa 1,2 Ah. Ciò significa che ipotizzando un utilizzo di 10 ore al giorno d'inverno, dovremo considerare un consumo giornaliero di 12 Ah.
I riscaldatori Webasto hanno in media un consumo di 1,5 Ah. 
I consumi del boiler sono invece trascurabili.
Naturalmente, il fabbisogno energetico dipenderà non solo dal dispositivo montato, ma anche da una serie di altri fattori, quali la temperatura interna richiesta, la coibentazione della cellula, le ore di permanenza a bordo, etc.

Dobbiamo poi considerare che molti apparecchi non potranno funzionare con la corrente a 12V della batteria servizi. Dovremo quindi installare un inverter, per la trasformazione della tensione da 12v a 220v: tali inverter aumenteranno, seppur di poco, il consumo base dell'apparecchio ad essi collegato.

Questa panoramica potrà darvi una prima idea. Tuttavia, non dobbiamo pensare che sia sufficiente fare addizioni e sottrazioni per capire quanta autonomia è in grado di offrire una batteria servizi. Purtroppo l'argomento è molto complesso: una batteria si scaricherà più o meno velocemente anche in base all'età, la temperatura esterna, la tipologia dell'impianto elettrico del camper, etc. Per questo, nel valutare le nostre esigenze energetiche è meglio essere molto pessimisti.

Nei prossmi articoli verranno esaminati in dettaglio tutti i dispositivi offerti dal mercato per la produzione di energia elettrica in camper. Inoltre, riporterò l'esempio pratico della mia esperienza, in modo che vi possiate meglio rendere conto.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
-Produrre elettricità in camper: i diversi tipi di batteria servizi
-Pannelli solari: produrre energia pulita in camper
-Pile a combustibile EFOY: la soluzione ideale per (quasi) tutte le esigenze energetiche del camper
-Ottimizzatori di carica (booster): la soluzione ideale per caricare le batterie del camper in viaggio
-Generatori di corrente per camper: la soluzione ideale per elevate esigenze energetiche
-Self energy Gasperini e generatori eolici per camper: due alternative per la produzione di energia elettrica




2 commenti:

riscaldamiilcuore2 ha detto...

Amico mio, sei fantastico!!
Attendo con ansia i tuoi articoli molto utili per una attenta valutazione- Non ti nascondo che siamo un pò scoraggiati per il nuovo....costano troppo. Metterò in evidenza tutti i tuoi consigli. Ciao buon fine settimana estensibile anche alla tua compagna.....marco

Ricky ha detto...

Grazie Marco :)
Purtroppo il nuovo è inavvicinabile...specie per un neofita, meglio iniziare con un onesto usato..e poi chissà!

Grazie ancora e buon weekend anche a te!
Ric

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...