Lavaggio esterno del camper: come farlo spesso e volentieri!

Nell'articolo precedente ci siamo dedicati alla pulizia interna della cellula, oggi ci occupiamo della parte esterna del camper. Cerchiamo di non rimandare questo appuntamento: quanto più spesso laveremo il camper, tanto più agevole sarà ogni lavaggio. La pulizia esterna non va trascurata, rende il mezzo esteticamente gradevole eliminando le classiche righe nere che si creano dalle colature delle acque piovane. Eviteremo che si formino incrostazioni, muschi e macchie difficilissime da mandare via. Armatevi di tempo e buona pazienza!

Avremo bisogno di 

  • spugne grandi e morbide 
  • secchio, nel caso non abbiate a disposizione un rubinetto e un tubo
  • detergenti delicati o sapone neutro 
  • uno spazzolone con bastone telescopico

Per prima cosa assicuriamoci di aver chiuso le finestre e gli oblò e facciamo attenzione a non mandare l'acqua nelle grate del frigorifero e del boiler.

Noi andiamo in uno degli autolavaggi che abbiamo in città: ha la particolarità di poter salire su una rampa di ferro che permette di arrivare con facilità (ehm, a dire il vero non è facilissimo) alla parte superiore del camper. 

Proprio da qui partiremo con la pulizia del mezzo. Il tetto del camper si sporca maggiormente perché è esposto ad intemperie e raccoglie polvere, foglie e resina ogni volta che si parcheggia sotto gli alberi. Una volta pulito, ci si sposta progressivamente sulle fiancate laterali. E' consigliabile non utilizzare i getti ad alta pressione perché l'acqua rischia di infiltrarsi tra le giunture e andare a creare possibili danni. Quindi riempiamo un secchio o una bacinella, e gettiamo l'acqua sulle superfici da lavare, sarà più facile se abbiamo la possibilità di attaccare un tubo ad un rubinetto.

Accertiamoci di fare diversi risciacqui per ammorbidire lo sporco e adoperiamo detergenti delicati, con la spugna sfreghiamo per rimuovere le impurità e sciacquiamo accuratamente. Se il tetto è calpestabile e decidete di salirci sopra state attenti perché rischiate di scivolare (che dite, esperienza personale? 😛). 

Non trascurate la pulizia dei pannelli solari nel caso siano installati sul vostro camper: più sono sporchi, peggio lavoreranno. Puliamoli con un panno morbido per rimuovere la polvere e possibili incrostazioni. Siate delicati. 

Una volta che il tetto è pulito passiamo alle fiancate laterali: ricordate di partire sempre dai punti più alti. Aiutiamoci con lo spazzolone bagnato e il detergente, lavoriamo a zone e sciacquiamo bene a lavoro ultimato.

Sui fascioni e sul cofano ovviamente si può usare il getto dell'acqua che troviamo negli autolavaggi.

Sarebbe consigliabile lavare e asciugare il camper all'ombra, per evitare che si creino gli aloni. Potete asciugare con un panno morbido o in microfibra.

A lavoro ultimato passate la cera, stendetela bene e renderà la carrozzeria lucida e nasconderà eventuali graffi.

Fate attenzione a non usare prodotti aggressivi ed abrasivi e nel caso lo sporco sia particolarmente ostinato potete usare degli sgrassatori specifici.

Sarà una faticaccia ma a lavoro ultimato la soddisfazione è garantita!

Commenti

Post popolari in questo blog

Quanto costa realmente Vivere in Camper? Tutte le Risposte

Inverter per camper: come scegliere tipologia e potenza

Il camper è davvero paragonabile a una casa?