lunedì 17 ottobre 2011

Principali problemi e soluzioni per trascorrere un buon inverno in camper

Nel precedente articolo abbiamo affrontato in dettaglio il problema del riscaldamento del camper, che meritava senza dubbio un'attenzione particolare. Tuttavia, le problematiche riscontrabili in camper durante l'inverno vanno ben oltre il semplice riscaldamento della cellula abitativa. Purtroppo la vita in camper in inverno non è certo agevole: bisogna tener conto di una serie di fattori e prendere numerose precauzioni al fine di rendere piacevole e rilassante la permanenza nella nostra casa mobile. Esaminiamo dunque quali sono i principali problemi e soluzioni.

Un primo aspetto da considerare e, dunque, prevedere, riguarda il gas delle bombole, che potrebbe diventare inutilizzabile a causa di temperature esterne molto basse. E' possibile ovviare a questo inconveniente chiedendo al nostro fornitore bombole contenenti esclusivamente gas propano. E' anche possibile installare un'apposita resistenza elettrica sul regolatore di pressione. Naturalmente è essenziale tenere sotto controllo le nostre riserve di gas: ritrovarsi a bombola finita nel bel mezzo di una gelida notte di dicembre è un'esperienza da non sottovalutare, anche perché le temperature rigide potrebbe impedire al mezzo di andare in moto e quindi di scaldarci con l'aria del radiatore.

Le temperature molto rigide influiscono negativamente anche sulle batterie. Il fenomeno di autoscarica, infatti, risulta molto più rapido durante la stagione fredda. Per questo  è consigliabile maggior precauzione nell'utilizzo della batteria servizi e fare in modo di sostare solo quando la batteria stessa risulti ben carica. A tal scopo è possibile aiutarsi con vari dispositivi, quali Efoy (prezioso in inverno), generatori etc, oppure preferendo sostare in campeggi dove troveremo allacci per la corrente a 220V. 
Inoltre si raccomanda l'utilizzo di batterie servizi al gel, anche dette a scarica lenta, di certo molto più affidabili delle normali batterie al piombo.

Problema non indifferente risulta poi il possibile congelamento dell'acqua nei serbatoi. D'inverno non è raro imbattersi in questa possibilità, soprattutto nelle ore notturne. 
Una prima soluzione potrebbe essere quella di far passare i tubi dell'acqua vicino ai tubi di canalizzazione dell'aria calda proveninente dalla stufa. Anche del sale grosso inserito negli scarichi di doccia e lavandini può costituire un valido aiuto. 
Per quanto riguarda i serbatoi di scarico (acque grigie e nere) è consigliabile anche l'adozione di appositi liquidi antigelo, facilmente reperibili in commercio. 
Una soluzione definitiva potrebbe essere eseguire (o far eseguire da un'officina specializzata) un'adeguata coibentazione dei serbatoi, ed eventualmente installare anche delle resistenze a 12V che impediscano alle acque del serbatoio di raggiungere temperature troppo basse.

Il gelo potrebbe causare anche il blocco delle valvole di scarico delle acque grigie. Per evitare questo spiacevole inconveniente è consigliabile racchiudere tali valvole in una scatola coibentata ed eventualmente riscaldata. Nel caso in cui il ghiaccio fosse già formato, possiamo provare a scioglierlo con un phon o altra fonte di calore che non sia una fiamma libera.

Riguardo il boiler, è importante ricordarsi di farlo funzionare ogni tanto, poiché al suo interno vi sono molti litri d'acqua soggetti all'azione del gelo esterno. Se decidiamo di parcheggiare il camper per lungo tempo con l'impianto di riscaldamento spento, ricordiamo di scaricare l'acqua del boiler mediante l'apposita valvola.

Stesso dicasi per la pompa dell'acqua: se il camper dovrà rimanere in sosta per lunghi periodi al gelo, è consigliabile, dopo aver fatto uscire tutta l'acqua dai rubinetti, smontarla per evitare che residui d'acqua possano ghiacciare al suo interno e quindi danneggiarla.




4 commenti:

Anonimo ha detto...

io vivo da più di 1 anno in un camper di mt 7 e questo inverno mi faccio la stufa a legna...ho generatore ma meglio di una bella stufa a legna nn c'è niente

Ricky ha detto...

Ciao, mi interessa molto l'idea della stufa a legna, come l'hai installata?

Anonimo ha detto...

Ciao,
ti avevo inviato 2 righe diversi mesi fa...
Lavoro a L'Aquila, con turni alternati di 7 giorni.
Sto arrivando alla fine della trattativa per l'acquisto di un semintegrale da 6 mt pressochè nuovo (2 anni, 14mila km).
Questo semintegrale, pur essendo di qualità molto buona, non ha i serbatoi della acque grigie/nere riscaldati.Secondo te potrebbe essere una buona idea far montare un kit di resistenze direttamente dal concessionario che mi vende il mezzo?
Hai idea di quanto possa costare un kit del genere (l'ordine di grandezza, naturalmente).
Pensavo poi di procurarmi una cella Efoy da 1200-1400 W: immagino che l'installazione consista semplicemente nel connettere un cavo ad una delle prese del camper, con la cella alloggiata in un gavone. Sai darmi qualche dritta in proposito?
Hai migrato o giri ancora nei paraggi di L'Aquila? Magari prima o poi capiterà di incontrarsi...
Grazie di tutto.
Paolo

Ricky ha detto...

Ciao Paolo, purtroppo non ho idea di quanto possa costare il kit per i serbatoi ma potresti informarti su qualche forum (camperlife,camperonline) dove sicuramente sapranno dirti di più sulll'argomento e magari darti anche qualche ulteriore consiglio su come risolvere il problema del congelamento dell'acqua..
in quanto all'Efoy,se ti interessa dovrei a breve mettere in vendita il mio Efoy 1200 (che produce 1200W, come occorre a te), a 2000 euro. L'apparecchio è ancora in garanzia ed in perfetto stato, lo vendo perché ho intenzione di usare il camper solo nelle stagioni più calde sfruttando il pannello solare, e l'Efoy mi è ormai obsoleto
se ti interessa fammi sapere
in quanto all'installazione, dipende dalla tua manualità: sulle istruzioni dell'efoy trovi tutte le info ma se non sei pratico è meglio demandare il tutto a un'officina e stare sicuri: l'efoy è un apparecchio molto sofisticato e quindi delicato


un saluto
Ric

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...