domenica 1 maggio 2011

Camper usati: guida pratica dei controlli da effettuare prima dell'acquisto (2^ parte)

Nel precedente articolo, abbiamo affrontato l'esame della parte esterna del camper, presentando una lista di controlli indispensabili soprattutto se pensiamo di acquistare un mezzo molto datato. Continuiamo il nostro attento esame all'interno del veicolo. Iniziamo dal tetto, la parte del camper in genere più soggetta ad  infiltrazioni d'acqua. Concentriamoci prima di tutte sulle aperture. Verifichiamo l'integrità di ogni oblò, la presenza di aloni intorno alle cornici, e il corretto funzionamento del meccanismo di apertura/chiusura. Dobbiamo poi esaminare la zona circostante con decise pressione delle dita: il materiale deve  apparire solido e non mostrare flessioni.
La stessa tipologia di esame va effettuata aprendo tutti i pensili per controllarne l'interno: concentriamoci soprattutto sugli angoli e sui punti di ancoraggio alle pareti. Passiamo poi ad individuare i punti in corrispondenza dei quali si trovano gli ancoraggi del tendalino e del portapacchi: in corrispondenza di tali punti spesso si insinua nell'acqua. Stesso dicasi per altri tipi di giunture ad accessori, come ad esempio la giuntura del camino, il palo antenna e l'impianto dei pannelli solari. Controlliamo poi le pareti, soffermandoci in particolare sulle zone circostanti le finestre. Accertiamoci che non siano presenti aloni, e tastiamo con decisione la parete per verificarne la solidità. Sulla parete posteriore, togliamo la copertura in plastica che copre le viti di ancoraggio del portabici (se presente): è un altro punto in cui possono verificarci infiltrazioni.

Passimo quindi all'esame del pavimento. Specie nelle zone perimetrali, verifichiamo l'assenza di scricchiolii eccessivi, avvallamenti e punti morbidi. Stesso tipo di controllo va effettuato aprendo i vari gavoni e pianali sotto i sedili, specie negli angoli interni. Un controllo merita anche la zona del serbatoio e del boiler, che potrebbero avere delle perdite.

Controlliamo infine la mansarda, l'angolo più delicato del camper, poiché maggiormente soggetto ad infiltrazioni. Per un'adeguata verifica, è necessario rimuovere il materasso. A questo punto è necessario un esame certosino di tutto il perimetro della mansarda. Il materiale non deve presentare aloni, né cedere alle (decise) pressioni della nostra mano. Fatto questo, dedichiamo la stessa attenzione alla zona della finestra (o delle finestre). Anche in questo caso, esaminiamone con attenzione il perimetro, in particolare nei punti di ancoraggio alla mansarda.

A questo punto, benché un'infiltrazione di poco conto potrebbe esserci sfuggita, dovremmo avere un'idea delle condizioni interne della cellula. Nel prossimo articolo ci dedicheremo all'esame della componentistica e degli accessori (frigo, arredi, stufa, piano cottura etc)

Vai alla terza parte di questa guida

Se hai trovato utile quest'articolo leggi anche:
-Acquistare il camper: puro, mansardato, semintegrale o motorhome? 
-Aree sosta camper: consigli su come e dove pernottare per dormire tranquilli
-Prezzi camper nuovi e usati: esempi e riflessioni
-Quanto costa vivere in camper? Una prima panoramica




2 commenti:

ImFromItaly ha detto...

M'è venuta una curiosità leggendo questi due articoli dedicati ai controlli di qualità da effettuare prima di acquistare un camper.

Immagino che molti camper usati abbiamo problemi di infiltrazioni o altro: in tal caso, tu hai un'idea dei costi medi per le riparazioni? Ovviamente dipende dal tipo di problema in atto, ma te la senti di darci un'idea di massima?

Ricky ha detto...

E' una domanda non da poco...il problema delle infiltrazioni è, in primo luogo, trovarne l'origine, operazione molto più complicata di quanto possa sembrare. Bisogna poi verificare l'entità dei danni,e soprattutto quanto sono diffusi questi danni. Nei casi più semplici, basta sigillare con silicone per risolvere il problema. Nei casi più gravi, meglio non parlarne...i costi possono raggiungere tranquillamente cifre a 3 zeri.
in casi estremi, si può anche ricorrere al fai da te. Con passione e pazienza, e un pizzico di competenza, si può riuscire a risolvere molti problemi..
In ogni caso, effettuando un minuzioso controllo prima dell'acquisto, una grave infiltrazione è individuabile. Ovvio che questi controlli andranno effettuati ogni tot mesi, anche quando il camper sarà ormai di nostra proprietà, in modo da beccare eventuali infiltrazioni sul nascere ed evitare che i problemi si complichino in seguito

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...