sabato 17 maggio 2014

Usare il Camper in sostituzione dell'Automobile: ecco tutti i pro e contro

Uno dei maggiori vantaggi derivanti dalla scelta di vivere in camper, oltre a quelli discussi nei precedenti articoli, è quella di poter fare a meno dell'automobile, in modo da poter  stornare un'altra importante voce di costo. Vediamo in dettaglio quali sono le spese fisse del camper, inteso qui non nella sua funzione di dimora, ma come mezzo di trasporto. I costi fissi, come per un automobile, sono bollo, assicurazione, tagliando e revisione (cui eventualmente aggiungere i costi di rimessaggio, ma di questo parleremo in un post a parte). In quanto al bollo, abbiamo la prima, piacevole sorpresa, poiché il costo è di gran lunga inferiore a quello di un automobile di media cilindrata.


Vi riporto il mio esempio: camper del 2001, motore 2800cc Turbo Diesel da 127cv, costo del bollo circa 50 euro per 12 mesi. Per chi volesse conoscere in dettaglio l'imposta di bollo del camper che si appresta ad acquistare (o che ha già acquistato) è possibile connettersi al sito dell'Agenzia delle Entrate, e conoscere l'importo con esattezza e  in tempo reale. 

Anche riguardo l'assicurazione le notizie sono positive, ma bisogna stare molto attenti alla scelta della compagnia. In linea di massima, se si sceglie oculatamente è possibile pagare in media 300 euro l'anno per la copertura base Rca. Riporto ancora una volta il mio esempio: pago circa 500 euro l'anno in cui sono inclusi: polizza Rca base, furto (compresi accessori a bordo), incendio, copertura atti vandalici, copertura contro danni provocati da agenti atmosferici (grandine etc), soccorso stradale, sostituzione cristalli (consigliatissima soprattutto nei camper più datati, soggetti a lesioni del plexiglass delle finestre), e la possibilità di ottenere sconti in vari campeggi e strutture convenzionate. Ovviamente sono presenti anche clausole particolari e franchigie: consiglio quindi (come io ho fatto) di contattare personalmente l'agente e discutere con lui ogni singola opzione, in modo da ottenere il profilo assicurativo più vicino alle nostre esigenze. Un'altra interessante possibilità, è quella di poter sospendere l'assicurazione durante i periodi in cui non pensiamo di utilizzare il camper (esempio, in inverno), ottenendo così un ulteriore risparmio (la sospensione deve però avere una durata minima di alcuni mesi).
Come vedete, anche i costi di assicurazione del camper non sono certo proibitivi. Chi volesse avere info sulla mia compagnia di assicurazione (a mio avviso la migliore e la più seria ed economica in Italia per il segmento camper), può contattarmi in privato. 

Riguardo il tagliando da effettuare periodicamente, valgono le stesse cifre e gli stessi consigli che riguardano le automobili. Nel caso dei motori diesel, vanno cambiati olio e filtro olio ogni 10.000km circa, mentre il filtro gasolio potrebbe anche attendere un po' di più. Riguardo invece il liquido di raffreddamento e il liquido tergivetro, consiglio di acquistarli (in qualsiasi ipermercato o autoricambi) e rabboccarli personalmente, in modo da lasciare all'officina solo il lavoro (e dunque il costo di manodopera specializzata) strettamente necessario. In tal modo, difficilmente un tagliando ci costerà più di 150 euro.

La revisione va effettuata ogni 2 anni, così come per le auto. In un'officina convenzionata, spenderete poco meno di 70 euro.

Altro vantaggio non da poco del camper rispetto all'automobile riguarda la svalutazione. Un camper, soprattutto se già piuttosto datato, subisce in genere una svalutazione inferiore rispetto ad un automobile. Un auto di media categoria, infatti, soprattutto nei primi dieci anni di vita, si svaluterà almeno di 2000€-2500€ annue. Con il camper tale somma di dimezzerà: difficilmente un camper si svaluterà più di 1000-1500€ all'anno, soprattutto se parliamo di camper già piuttosto datati.

Fin qui tutto sembrerebbe giocare a vantaggio del camper. Tuttavia non dobbiamo dimenticare l'aspetto dei consumi, che invece è a netto appannaggio di un'autovettura. Attualmente esistono automobili in grado di percorrere anche 20km con un litro di gasolio, mentre un camper, nel migliore dei casi arriverà a 10-11km con un litro.
Altro aspetto da considerare, è l'uso che intendiamo fare del camper: se ci occorre un mezzo rapido, maneggevole, per affrontare il traffico e i parcheggi impossibili delle grandi città, pensare di utilizzare camper come un'autovettura è folle. E' chiaro però che se abbiamo scelto di utilizzare il camper come nostra dimora, è sconsigliabile mantenere anche il possesso di un auto: dovremmo così pagare bollo, assicurazione, tagliando, revisioni, riparazioni per entrambi i veicoli.

Le valutazioni dunque sono quanto mai soggettive. Riuscendo a sfruttare il camper sia come abitazione, sia come autovettura, otterremo un considerevole vantaggio economico rispetto a qualsiasi altro tipo di soluzione, ma non è una possiblità alla portata di tutti. Bisogna dunque esaminare attentamente le proprie esigenze e valutare, calcolatrice alla mano, come conviene comportarsi. 

In alternativa, potremmo tenere il camper come mezzo di trasporto principale, e utilizzare uno scooter (che comporta costi di acquisto, svalutazione, e gestione irrisori rispetto a un auto) per i piccoli spostamenti quotidiani.

Se hai trovato utile quest'articolo leggi anche:
-Tutti i consigli per risparmiare carburante in camper
-Utenze in camper: confronto con i costi delle bollette di casa
-Acquistare il camper: puro, mansardato, semintegrale o motorhome? 
-Aree sosta camper: consigli su come e dove pernottare per dormire tranquilli
-Prezzi camper nuovi e usati: esempi e riflessioni
-Quanto costa vivere in camper? Una prima panoramica
 




22 commenti:

Fabry ha detto...

Ciao! Volevo farti i miei complimenti per il tuo diario,che ho scoperto da pochissimo,ma che mi ha subito appassionato, ben organizzato e molto interessante, tanto che hai chiarito dei punti che per me erano oscuri. Complimenti anche per il coraggio che hai avuto per fare una scelta di vita che la maggior parte delle persone non condivide. Anche io ho in mente una cosa simile già da un pò di tempo, voglio liberarmi da quella catena invisibile chiamata "sistema", dove una persona non conta niente se non ha una posizione nella società, e che usa la scusa della crisi economica per farti lavorare (quando lo trovi) 10 ore (se non di più) al giorno per una miseria, e lo dico per esperienza personale di parecchi anni!! Detto questo, volevo passare alla parte economica della vita in camper: ho un dubbio, che spero tu possa chiarirmi in merito. Non avendo mai stipulato una polizza auto a nome mio, volevo qualche delucidazione sulle assicurazioni dei camper. Ho fatto vari preventivi online, abbastanza generici a dire il vero, dove comunque inserivo sempre gli stessi parametri per un ipotetico mansardato ford più o meno del '94-95, e ho visto che la genertel mi chiede 830 euro annui, mentre l d' orazio poco oltre i 300, sempre annui... premetto che i dati inseriti intendevano solo la r.c., comunque mi preoccuperebbe il fatto di dover sborsare più di 800 euro solo di assicurazione. Ora chiedo, è un caso o devo abbandonare l' idea di poter comprare un camper? Visto che sono disoccupato, e lo userei come abitazione, dovrei arrangiarmi a lavorare a giornate nel caso non trovassi un lavoro che mi permetta un minimo di stipendio e non vorrei cadere nell' errore di fare il passo più lungo della gamba. Mi ha spinto su questa strada il fatto che ho letto molti commenti nei vari siti, di gente che addirittura paga 250 euro all anno,o comunque una cifra che va al massimo poco oltre le 300 euro. La mia domanda era proprio questa, i camper godono di particolari sconti solo se all' attivo ci sono altre polizze, oppure posso trovare qualche compagnia che pratichi prezzi bassi per la categoria? Ti ringrazio in anticipo per aver preso visione del mio commento!! Un saluto!

Ricky ha detto...

Ciao Fabry, se mi contatti in privato ti spiego :)
rik9@libero.it

ciao
Ric

Marco Malatesta ha detto...

Ciao Ricky. E di un impianto a metano che ne dici?

Ricky ha detto...

Ciao Marco, non ne so moltissimo sull'argomento, ma "a naso" non mi pare un'ottima idea. Il metano comporta un calo notevole delle prestazioni (nell'ordine del 20%) e questo non depone certo a favore, considerando il peso di un camper. Bisognerebbe dunque trovare un camper che monta un motore benzina da 100-120cv almeno, e onestamente non credo che esista (che io sappia, quella potenza sui camper è ottenuta sempre con motori diesel...anche se ho sentito che di recente di progettano impianti a metano anche per motori a gasolio)

Anonimo ha detto...

ciao ragazzi complimenti per l'ideatore di questo meraviglioso sito.mi chiamo massimiliano e vorrei qualche dritta mi spiego: io e la mia famiglia vorremmo comprare il nostro primo camper avete qualche consiglio da darmi?? per favore se qualcuno mi puo' aiutare mi scriva :
massimiliano75@excite.it grazie anticipatamente

Angel ha detto...

Ciao RICKY sono angelo sono di napoli ma lavoro al nord di preciso a bolzano in una struttura alberghiera lavorando 5 mesi ed 1 mese in disoccupazione ritornando a lavoro altri 5 mesi e dinuovo 1 mese in disoccupazione totale 10 mesi lavorativi e 2 mesi giu al sud con i miei figli,io sono divorziato ed ho 3 figli che vivono con la mamma,adesso mi sono scocciato e voglio averli un po con me, Ho scoperto questo sito,perche vorrei comperarmi un camper mansardato usato per portarli in giro un po cosa mi consigli 1 come camper, 2 come scelta,i mesi sono tutto novembre,e meta´aprile fino al 15 maggio ciao

Ricky ha detto...

Ciao, sul blog sono presenti numerosi articoli che suggeriscono quale camper acquistare, anche a seconda delle diverse esigenze...so che occorre del tempo per leggerli, ma il miglior consiglio che posso darti è proprio quello di leggere il più possibile :)

per richieste più specifiche fammi sapere
ciao!

Mic ha detto...

Ciao Ric guarda un po' qua come si può risparmiare sul carburante "Omniauto-it olio fritto al posto del gasolio" e poi ok camper a metano
io stesso ho un golf 1.6 sr a metano e come vel max non cambia molto tra benz e metano la diff si sente solo in ripresa ma il risparmio è notevole a benzina 10 euro 75-80 km a metano 12 euro 330 km e risposta affermativa da nota ditta di trasformazione il metano è montabile su mezzi diesel (i pullman sono diesel e vanno a metano )unico neo il metano è scarsamente reperibile all'estero
Ric ok per alimentare il Webasto a olio fritto ovviamente filtrato e mai puro al 100% ma un 90-95%è ok

Ricky C. ha detto...

Ok Mic mi informerò sull'argomento...nel frattempo invito ovviamente tutti gli utenti del blog a usare cautela e farsi consigliare dal proprio meccanico prima di utilizzare carburanti alternativi al normale gasolio o alla benzina.

Anonimo ha detto...

E logico che se uno single,un bel Furgone un Van attrezzato per fare casa lavoro e nei week end andare in giro io abito in una piccola citta e per me anbrebbe benissimo.

Anonimo ha detto...

ragazzi mi consigliate l'assicurazione migliore per il camper, sto acquistando un ducato weinsberb (tipo camper puro) ... avete consigli?

Anonimo ha detto...

Ciao. Sono una mamma single e vorrei prendere un camper mansardato in sostituzione della macchina, quindi sia x muovermi tra i paesi limitrofi sia per campeggiare con mia figlia. Volevo una delucidazione sul fatto del parcheggio in paese sia un consiglio sul modello su cui orientarmi. Complimenti x l eccellente sito e grazie mille in anticipo.

Riccardo McOtter ha detto...

Bisogna capire prima di tutto se dovrai usare il camper solo come auto o anche come "casa" definitiva o semidefinitiva ;) Per il parcheggio non ci sono problemi, il camper può sostare ovunque, a patto che non lo si utilizzi per campeggiare (aprire finestre, aprire il tendalino etc)

Anonimo ha detto...

Ciao, mi chiamo Stevie, sono una donna di mezza età, ho una casa che mi crea problemi dal punto di vista psicologico e vorrei mollare tutto, non vendere ma lasciarla ai figli, terrei solo la residenza e una stanza per le mie cose, volevo chiederti se funziona come per le auto, cioè quando il camper sta fermo per un po' di mesi non è obbligatoria l'assicurazione vero? Ovviamente tenuto in un luogo come un terreno privato o garage, conviene fare un assicurazione periodica, cioè solo quando lo sposto per viaggi? Mio fratello ha un terreno in campagna, recintato, e mi ha detto che posso sostare li anche per sempre, un sogno, c'è anche un pozzo dove posso rifornirmi di acqua, ma per gli scarichi e la corrente come funziona la cosa? Immagino ci siano un wc chimico e un generatore... Grazie delle informazioni��. Stevie

Riccardo McOtter ha detto...

Ciao Stevie, il camper può rimanere senza assicurazione solo se parcheggiato all'interno di aree private, come tu giustamente hai detto. Il discorso scarichi e corrente può essere risolto agevolmente con delle taniche per la raccolta delle acque nere e grigie, e con un generatore a benzina e/o pile a combustibile e/o pannelli fotovoltaci per la produzione di corrente, sul blog trovi molti articoli su questi argomenti. In bocca al lupo!

Anonimo ha detto...

Grazie McOtter, vado subito a darci un occhiata! Buone cose.
Stevie

Anonimo ha detto...

Mi dispiace tanto, stamani quando ti ho scritto, ancora non sapevo del terremoto. Eppure quando stavo leggendo l'articolo "altre vite, dal terremoto alla libertà" dalle prime righe ho avvertito una sensazione strana, volevo accendere la tv ma sono andata avanti nella lettura... Spero tutto bene per te e la tua ragazza...Stevie

Riccardo McOtter ha detto...

Non preoccuparti, noi stiamo bene :)

Ilario ha detto...

Riguardo l'articolo, ma non è più semplice utilizzare un mezzo elettrico in città da riporre nel box del camper ove presente?

Riccardo McOtter ha detto...

Certamente, in particolar modo è consigliabile l'utilizzo di bici elettriche, ma bisogna mettere in conto una certa percentuale di energia per ricaricare la batteria della bici (circa 400W di media, ovvero circa 30A abbondanti a 12V)

Ilario ha detto...

Se non sbaglio proprio tu hai parlato nel blog di un kit per rendere una comune bici elettrica. Per ricaricare le batterie ci vuole per forza un generatore elettrico.

Riccardo McOtter ha detto...

Sì, il kit che io conosco e ho montato sulla mia bici si chiama Bafang, trovate molte info in rete, specie su mtb-forum
Non è detto che occorra una generatore, io caricavo la batteria del kit tramite inverter, attingendo alla batteria servizi (ovviamente quando la stessa era ben carica, o quando il pannello solare del camper era sotto potente irraggiamento)

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...