martedì 12 aprile 2011

Dimensioni e pesi camper: informazioni e suggerimenti

In quest'articolo approfondiremo quanto già in parte già descritto in un precedente post, riguardo l'aspetto delle dimensioni e dei pesi del camper. Si tratta di due elementi fondamentali per la scelta del nostro mezzo: vanno dunque valutati tutti i pro e i contro. Riguardo le dimensioni, dobbiamo prima di tutto considerare l'uso che vorremo fare del nostro mezzo. Un camper più lungo di 6 metri è senza dubbio più confortevole, ma potrebbe incorrere in qualche problema nel parcheggio libero. Ovviamente quando usufruiamo di camping o di aree di sosta dedicate non dobbiamo preoccuparci di nulla, ma se vogliamo fare economia dovremo talvolta posteggiare il nostro camper nei normali parcheggi per auto o comunque all'interno di spazi pubblici spesso inadatti a contenere mezzi di grandi dimensioni. Il camper infatti può essere parcheggiato come una normale autovettura, purché non utilizziamo piedini, il gradino sia rientrato e le finestre siano chiuse (torneremo in seguito anche su questi argomenti).
Dobbiamo porre molta attenzione anche allo sbalzo, ovvero la parte della cellula che sporge oltre l'asse posteriore delle ruote. Quando lo sbalzo è notevole, bisogna porre attenzione nell'affrontare le pendenze, poiché la coda del camper rischia di urtare il suolo. Inoltre, uno sbalzo eccessivo influirà negativamente sulla stabilità di marcia, anche perché nei modelli di camper più recenti la parte terminale ospita il gavone garage che viene spesso sovraccaricato.
Altro elemento da considerare con molta attenzione è il peso del nostro mezzo.  
Con la normale patente B possiamo guidare veicoli di massa complessiva non superiore a 3,5 tonnellate e che abbiano un numero di posti a sedere non superiori a 8 escluso il conducente. È possibile trainare anche un rimorchio leggero, cioè che non superi nella massa complessiva i 750 kg. Molto importante diventa quindi il peso a pieno carico in ordine di marcia, ovvero il peso completo di: serbatoi e carburante riempiti al 90%, ruota di scorta,  attrezzature varie, provviste, equipaggio, bagagli, accessori etc. Per questo consiglio caldamente di avvalerci almeno una volta di un servizio peso pubblico: è l'unico modo per accertarci di non superare il peso totale di 3500kg.  In caso contrario, potremmo avere delle grane non da poco, come ad esempio essere portati a pesare il camper obbligatoriamente (ciò potrebbe capitare soprattutto ad alcune frontiere come quella svizzera). Le conseguenze, in caso di peso eccessivo, possono consistere in pesanti sanzioni, eventuale sequestro del mezzo, ordine di tornare indietro, mancanza di copertura assicurativa in caso di incidenti. Inoltre, un peso eccessivo porta ad un eccessivo consumo di freni, pneumatici ecc.

Per questo cerchiamo di eliminare tutto ciò che non è essenziale. Benché i vari gavoni e sportelli di cui dipongono tutti i camper siano un invito non indifferente a portarci dietro ogni sorta di oggetti, dobbiamo fare un serio sfrozo di selezione, anche nel caso in cui stessimo pensando di vivere in camper per lunghi periodi. In un primo momento potremmo forse scoraggiarci: è indubbio che vivere in camper comporti dover rinunciare a molte delle comodità e degli oggetti che utilizziamo in casa. Ma per esperienza personale vi assicuro che, con lo spirito giusto, queste limitazioni si tramuteranno in rivelzioni di un nuovo stile di vita, di gran lunga più leggero e remunerativo di quanto avremmo mai immaginato.

Se hai trovato utile quest'articolo leggi anche:
-Acquistare il camper: puro, mansardato, semintegrale o motorhome? 
-Aree sosta camper: consigli su come e dove pernottare per dormire tranquilli
-Prezzi camper nuovi e usati: esempi e riflessioni
-Quanto costa vivere in camper? Una prima panoramica
  di sele pe




6 commenti:

iFi ha detto...

Già... "pesare poco" è una vera e propria filosofia di vita.

Nel caso del camper, poi, questo spreco è lampante, come hai giustamente sottolineato te: "Inoltre, un peso eccessivo porta ad un eccessivo consumo di freni, pneumatici ecc." dunque portare (o, in senso più ampio, avere) cose inutili, porta solo allo spreco di risorse importanti come il Tempo e lo Spazio.

Ed è proprio nel Tempo e nello Spazio che noi viviamo! Dunque, sprecare tempo e spazio per gestire cose che non servono alla nostra salute e serenità, significa sprecare una parte della nostra vita.

iFi

Ricky ha detto...

In effetti avevo semplificato ...ma l'idea è stata ben sviluppata dal tuo commento ;)
Vivere in camper, come qualsiasi altra scelta di vita alternativa, significa fare un balzo ideologico notevole. Dunque, in primis, è necessario liberarsi da molti "pesi", e non si parla certo di soli pesi materiali.
Qualcuno potrà non condividere queste osservazioni, ma il mondo è bello proprio perché è vario. Speriamo continui ad esserlo...

Anonimo ha detto...

Sono capitato per caso nel vostro sito, non avevo mai considerato quanto fosse bello vivere viaggiando. Vorrei però far notare che non tutti possono permettersi d'acquistare un camper. Perché non aiutate chi, ad esempio, vorrebbe ovviare modificando un vecchio veicolo furgonato.

Grazie,

Antonluca

Ricky ha detto...

Ciao Antonluca..hai del tutto ragione, ma purtroppo non ho alcuna competenza nel campo dei furgonati, per questo rischierei di scrivere solo fesserie ;)
meglio parlare di ciò che si conosce, e soprattutto di ciò che si è vissuto per esperienza diretta...

un saluto
Ric

Anonimo ha detto...

Le tue risposte e la tua chiarezza nell'esporre l'argomento "per assoluta cognizione di causa" sono ammirevoli. Umano e chiaro, caratteristiche tendenti allla scomparsa, purtroppo. Complimenti Ricky, spero di trovarti qui per ancora tanto tempo a venire. E.

Ricky ha detto...

Grazie mille! E scusa per il ritardo nel pubblicare il tuo commento, ma non riesco sempre a connettermi...
conto di rimanere in attivo sul blog ancora per molto, e spero che persone come te continuino a seguirmi.

un salutone
Ric

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...