Dove eravamo rimasti?

Ancora ricordo perfettamente i mesi successivi al terremoto che distrusse L'Aquila: Riccardo è venuto a stare a casa dei miei genitori, all'epoca avevo 25 anni, lui 29. Trattandosi di una situazione di emergenza, ci siamo adattati, ma non era certo una soluzione che poteva protrarsi per troppo tempo. Lui aveva bisogno di tornare in possesso della sua indipendenza, ma il contesto in cui eravamo stati catapultati non pareva offrire molte alternative. 

Avete presente quei momenti, quegli attimi, in cui la vostra vita prende improvvisamente una piega del tutto eccezionale e inaspettata? Ecco, a noi è capitato questo un sera di tarda estate, seduti su una panchina della villa della mia città: mentre le persone intorno a noi si godevano la serata calda, un gelato, la passeggiata tranquilla, noi su quella panchina vivevamo uno dei tanti tormenti che ci avrebbero accompagnato per un bel po' di tempo. Come fare, dove stare, dove vivere. Riccardo, che viveva grazie al commercio immobiliare, voleva continuare ad affittare l'unica casa rimasta in piedi, ma noi dove saremmo andati a stare? Non riuscivamo a trovare una soluzione.

E così, dal nulla, sento Riccardo pronunciare sei parole, dal tono amareggiato ma al contempo risoluto: "Io vado a vivere in camper!". 

Chissà per quale motivo in quell'istante ho capito che sarebbe successo davvero, non era stato solo un modo di dire, uno sfogo, ma una soluzione estrema ad un problema estremo, e da lì è partita la nostra ricerca sfrenata sulla fattibilità dell'impresa e di quello che sarebbe diventato poi il nostro camper.

Così, era iniziata la nostra era da camperisti!

E voi, come vi siete approcciati al vostro primo camper? Cosa vi ha spinto ad acquistarne uno? Lo avete sempre sognato o è capitato? Sarei curiosa di leggere le vostre esperienze.


Commenti

Post popolari in questo blog

Inverter per camper: come scegliere tipologia e potenza

Quanto costa realmente Vivere in Camper? Tutte le Risposte

Il camper è davvero paragonabile a una casa?