martedì 18 marzo 2014

Infiltrazioni d’acqua nel camper: come prevenirle spendendo poco con il fai-da-te

infiltrazione acqua tetto camper riparazione economicaUno dei problemi più fastidiosi e complessi con cui spesso i camperisti devono fare i conti è proprio la temibile infiltrazione d’acqua. Spesso il problema si manifesta quando l’infiltrazione è già in stato avanzato, per questo sarebbe bene prevenire il danno svolgendo periodicamente una serie di interventi di manutenzione sul nostro mezzo. Luigi, già intervenuto sul nostro blog in un altro post, vi spiega il suo metodo. Vi riporto di seguito il suo intervento.

"Le infiltrazioni d'acqua sono a volte letali per la struttura del camper. Si possono manifestare sia nelle pareti che dal tetto: nel primo caso quasi sicuramente filtrano dal telaio delle finestre. Per ovviare a questo inconveniente, dopo i primi dieci anni di vita del mezzo, dovremmo provvedere a una nuova siliconatura tra telaio e parete. L’intervento andrebbe poi ripetuto ogni tre anni.

Per il tetto il problema è più complesso, perché l'acqua può infilarsi da qualsiasi parte: bisognerebbe scoperchiare il tetto e rifare tutte le giunture, ma questo tipo di lavoro richiede l'intervento di aziende specializzate, con costi a volte elevati.
Una buona alternativa è quella di impermeabilizzare tutto il tetto e ridare un nuovo look al nostro mezzo: anche se può sembrare un lavoro forse troppo impegnativo, vi assicuro che con un po' di pazienza e tanta volontà, il lavoro da fare è alla portata di tutti.

Materiale occorrente per impermeabilizzare il tetto e la mansarda di un mezzo da 7 mt.
Kg.4 di vernice protectakote uvr liscio bianco
Kg.1 di aggrappante
N.1 rullo medio a pelo raso (+ n.1 ricambio)
N.1 rullo piccolo a pelo raso (+ n.2 ricambi)
N.1 pennello piccolo
N.2 vaschette per vernice
Lt.1 diluente
Carta abrasiva 180
Carta abrasiva 120
Levigatrice orbitale
Silicone sika uv
N.1 rotoli di nastro di carta

Come procedere
Per prima cosa dobbiamo rimuovere qualsiasi cosa si trovi sul tetto e sulle superfici da verniciare.
Con l'aiuto di un kutter dobbiamo rimuovere tutto il silicone vecchio. Con la levigatrice e la carta abrasiva 180 passiamo il tetto e la mansarda in modo uniforme e senza esagerare, dobbiamo solo levare il lucido e non la vernice. Per i profili in alluminio non verniciati e le parti in plastica passare a mano la carta abrasiva 180. Sgrassare il tutto con diluente. Siliconare tutte le giunture, i tettucci, e i profili. Nastrare i bordi delle parti da verniciare.
Verniciare le parti in alluminio e in plastica con aggrappante e lasciare asciugare almeno 8 ore.
Passare la prima mano di vernice stendendola bene con rullo in uno strato sottile e uniforme.
Lasciare asciugare bene almeno 24 ore e dare la seconda mano solo quando, toccandola, la vernice non attacchi.
Stendere la seconda mano un po' più consistente cercando di farlo il più uniformemente possibile. A scelta può essere data una terza mano.
Rimuovere immediatamente il nastro di carta.

Consigli
Prima di versare la vernice nella vaschetta mescolare il prodotto abbondantemente.
Versare piccoli quantitativi e richiudere bene il barattolo perchè la vernice non asciughi.
Una volta iniziata la verniciatura completare in un'unica mano.
Finito di verniciare evitiamo di lavare rulli e vaschetta, ad ogni mano ne useremo di nuovi.
Se durante la verniciatura alcuni insetti si attaccano alla vernice fresca, non cerchiamo di levarli ma li puliremo a vernice asciutta.
Viene venduto anche un kit per camper che comprende già tutto l'occorrente per la verniciatura (valutare i costi).

Costo approssimativo dell'intervento: 350 euro"

Alcune foto:








3 commenti:

Dennis ha detto...

Fantastico ragazzi. E' sicuramente un'opera importantissima fare una manutenzione così ogni tanto. Io ho un Ford Transit del 1983 (!) e dovrò proprio mettermi all'opera in tal senso, quest'anno. Spero di riuscire a fare un buon lavorino! A proposito, avete qualche consiglio (nome, sito?) per reperire ricambi del furgone per veicoli così vecchi? E' ormai piuttosto difficile. E meno male che ho un mitico meccanico che all'occorrenza mi "adatta" dei pezzi!!!! Grazie. Dennis

Unknown ha detto...

Grazie dell'articolo Riccardo, potresti dirmi che tipo di aggrappate hai usato?

Riccardo McOtter ha detto...

Ciao, l'articolo in questione è stato scritto con la collaborazione di un camperista che ha eseguito l'intervento sul suo mezzo, quindi non saprei darti informazioni più precise di quelle che trovi nel testo, mi spiace!

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...