martedì 21 aprile 2015

Biciclette elettriche di nuova generazione: pedalare senza fatica non è più un sogno

Chiunque abbia un camper (e non solo) desidera vivere a stretto contatto con la natura, senza dover rinunciare alla praticità e alla comodità di un mezzo di trasporto. Per questo un gran numero di camperisti decidono di montare sul proprio mezzo un portabici o un portamoto, oppure stivano il proprio mezzo a due ruote nel garage del camper. Tuttavia, fino ad oggi si è sempre dovuti scendere a compromessi: nel caso di una normale bici, si ha il vantaggio del peso ridotto e della maneggevolezza a dispetto però della fatica necessaria a pedalare. Nel caso dei mezzi a motore a scoppio (scooter o moto), bisogna fare i conti con un peso non indifferente (specie se si considera anche il portamoto) che grava sull'asse posteriore del camper (già messo a dura prova dal peso del camper “a vuoto”), senza contare i costi e tutti i limiti di questi mezzi (ingombro, difficoltà nell'off-road etc). Le bici elettriche sono un'alternativa, ma le scarse prestazioni dei vecchi modelli hanno sempre scoraggiato i potenziali acquirenti.

Ad oggi posso dirvi, per esperienza personale, che si apre una nuova era, soprattutto se si considera che non è più necessario comprare una bici elettrica prefabbricata, ma è possibile acquistare un kit elettrico di ultima generazione che si può facilmente montare sul 99% delle bici in circolazione! Parliamo del motore elettrico Bafang 8FUN, disponibile in diversi modelli a seconda della potenza di picco desiderata.

Prima di entrare nei dettagli, rispondo alla domanda che certamente vi sarà balzata in mente:
con questi nuovi motori si riesce davvero a pedalare senza faticare?

La risposa è: SI. Ho testato personalmente una bici equipaggiata con uno di questi motori e sono rimasto basito. Anche su pendenze estreme (20% o più) l'apporto muscolare richiesto al ciclista è pressoché nullo. Come è possibile? Semplice: il grande vantaggio rispetto ai “vecchi”motori, che si montavano (e si montano tuttora) sul mozzo anteriore o posteriore della bici, sta nel fatto che il Bafang si monta direttamente sulla trasmissione della bici: in tal modo il ciclista può “moltiplicare” la potenza del motore usufruendo dei rapporti della bici stessa. Per fare un esempio pratico: il Bafang è simile al motore di un'automobile, che sfrutta le marce per permettere all'auto di superare salite più o meno ripide inserendo il rapporto adeguato. 
Le implicazioni di questo nuovo sistema sono enormi: vi sarà capitato numerose volte di dover affrontare una salita in montagna, su asfalto oppure off-road, sudando sette camicie sotto il solleone per percorrere pochi km. Tutto questo con il Bafang è solo un lontano ricordo: basta inserire un rapporto agile (possibilmente 1:1) per sconfiggere qualsiasi salita con sforzo pressoché nullo.
Altri vantaggi di questo motore sono:
  • facilità di installazione
  • dimensioni ridotte
  • peso ridotto (meno di 4kg)

Vediamo ora come alimentare il motore. Niente di più semplice: basta montare una batteria al litio dal peso di appena 3kg, che nella maggior parte dei casi andrà collocata al posto della normale borraccia della bici, per poter percorrere decine di km in assoluta tranquillità. Naturalmente, per prolungare l'autonomia della batteria e/o qualora non si voglia rinunciare ai benefici di un esercizio fisico più o meno moderato, è anche possibile ridurre il livello di assistenza del motore tramite l'apposito display del kit (che andrà fissato sul manubrio della bici): esistono ben 9 livelli tra cui scegliere. Ad esempio, impostando l'assistenza sul secondo livello, è possibile percorrere senza la benché minima fatica decine di km di pianura. Impostando assistenze più alte, potremo invece affrontare salite più o meno ripide, faticando poco o nulla.   

Passiamo adesso a dati più tecnici.
In primis, c'è da dire che il motore viene venduto con una corona anteriore da 46 denti. Per poter affrontare in tutta tranquillità salite impegnative è consigliabile installare una corona più piccola (ad esempio, una 36 denti), in modo da poter usufruire del massimo effetto “moltiplicatore” di coppia (la spinta del motore).

Riguardo  le batterie, è possibile scegliere tra un'ampia gamma. Consiglio di installare almeno una 36V da 11A, per poter disporre di una discreta autonomia. Tali batterie hanno una lunga durata: solo dopo svariate centinaia di cicli di ricarica cominciano a cedere qualcosa in termini di autonomia.
Inoltre bisogna porre attenzione allo spazio disponibile sulla nostra bici: nel caso di una mountain-bike è consigliabile installare la batteria al posto della borraccia (per questioni di baricentro del peso), dunque bisogna considerare le misure della batteria e verificare quindi la possibilità di collocarla al posto della borraccia. Esistono poi anche batterie che si collocano sotto la sella o sul portapacchi, ideali per chi non è particolarmente interessato a percorsi “tecnici” (off-road).

Le batterie possono ovviamente essere ricaricate anche in camper tramite un normale inverter che fornisca i 220V necessari al caricabatterie della batteria al litio.
I tempi di ricarica si attestano intorno alle 4-5 ore. Considerando che utilizzeremo la bici soprattutto nei periodi che vanno da aprile a fine ottobre, non avremo alcun problema a ricaricare la nostra batteria al litio in un camper che monta un semplice pannello solare (una batteria litio 11A-36V attingerà un totale di 33A dalla batteria del camper per una ricarica completa).

Considerando che il peso del kit + batteria è di appena 8Kg, sarà possibile trasportare la bici sul portabici del camper, come faremmo con una normale bici non elettrica.

Gli elementi da considerare riguardo il Kit Bafang sono ancora molti, ma è tutto piuttosto semplice. Per ricevere i giusti consigli e acquistare il Kit Bafang + Batteria vi consiglio di contattare l'azienda Alcedo Italia, dove troverete persone competenti e disponibili che vi aiuteranno a sciogliere qualsiasi dubbio e vi orienteranno verso l'acquisto più giusto per le vostre esigenze. Di seguito i loro contatti:

Alcedo Italia Srl
Viottolo Vanzie 755
47521 Cesena FC
Italia
Telefono Ordini – Vendite – Commerciale 331-8498061 Orario: Lun-Ven 8.30 – 18.30
Telefono Assistenza Tecnica 331-4228081 Orario: Lun-Ven 8.30 – 13.00
Email: business@alcedoitalia.it  info@alcedoitalia.it
Sito web: www.alcedoitalia.it

www.alcedoitalia.it





Buone pedalate a tutti!




5 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Riccardo, innanzituto essendo la prima volta che ti scrivo, ti faccio i miei complimenti e ti ringrazio per il tuo lavoro e la tua disponibilità. Non ti nascondo che la tua testimonianza, come quella di tutti i fulltimers che hanno seguito questo perscorso, è stata illuminante per me.
Non è facile uscire dagli schemi convenzionali, sia per motivi psicologici, sia per motivi pratici, ma ormai avete acceso in me una fiamma ed una pasisone che mi arde sempre dentro e non si spegnerà più (spero di far parte di voi fulltimers al più presto). Ma so che inevitabilmente, queste scelte saranno ostacolate da uno Stato che vorrà inevitabilmente creare in tutto questo, un "business" perchè, per lo Stato italiano, tutto si riduce in business e facili introiti, e ovviamente non considererà che dietro questa scelta di vita si cela la storia di persone che hanno perso tutto e hanno ritrovato solo in questo modo DIGNITA' e VOGLIA DI VIVERE.
Sta a noi cittadini (siamo NOI lo Stato ma forse lo abbiamo dimenticato) impedire con tutte le nostre forze che una manica di mafiosi (i politici che si sono fatti Stato) spengano anche questa ultima fiamma. Non commettiamo l'errore di rimanere silenti ed inerti (come da italica consuetudine) quando lo Stato/Mafia verrà a chiederci il pizzo, perchè se per lo Stato/Mafia tutto è solo un business, per molte persone è l'unica speranza di vita.
Vi ringrazio ancora, (te e tutti coloro che mi hanno aperto la mente) ma teniamo sempre presenti queste parole, perchè quando ci chiederanno il pizzo (e ce lo chiederanno statene ben certi), solo se saremo tutti UNITI potremo impedire allo Stato/Mafia di portarci via le nostre vite..
The next age

Carmine ha detto...

Ciao Riccardo, complimenti per il tuo sito, vorrei chiederti se sai qualcosa sui costi per trasformare la propria bici in elettrica. Attualmente la Alcedo è l'unica a fare di queste trasformazionmi? Mi sembra proprio un'ottima idea!

Riccardo McOtter ha detto...

Ciao Carmine! Il kit di cui parlo in questo articolo (Bafang 8FUN), l'unico che permetta davvero di pedalare senza fatica, installabile sulla stragrande maggioranza delle bici in circolazione, ha un costo BASE di circa 500€ (varia molto in base alla potenza del motore che scegli, gli accessori che monti etc), a cui si aggiunge il costo della batteria al litio (altri 400€ minimo, anche qui il prezzo varia in base alla capienza-qualità-dimensioni della batteria). Alcedo è uno dei punti di riferimento in Italia per quanto riguarda queste bici e questi kit, io l'ho provata e acquistata tramite loro e finora non ho nulla di cui lamentarmi.

Carmine ha detto...

Grazie per la risposta Riccardo. Tu lo hai ordinato via corriere? In questo caso dove lo hai installato? Ci sono delle officine che lo montano anche in Abruzzo? So che potrei anche contattare direttamente l'azienda sui recapiti che hai fornito, ma ti scrivo qui perchè è un discorso che può interessare molte altre persone. Spero di poterti incontrare qualche volta all'Aquila o anche qui a Pescara. Grazie ancora!

Riccardo McOtter ha detto...

Ciao Carmine, io ho ordinato la bici intera per corriere (dovrebbe arrivarmi a breve). L'installazione del kit comunque non dovrebbe essere complessa. Se però ti trovassi in difficoltà, credo che una qualsiasi attività che vende o noleggia bici potrà fornirti assistenza. In ogni caso, Marco di Alcedo Italia è una persona molto disponibile, penso ti aiuterà in ogni modo...magari digli che hai trovato il suo contatto qui sul mio blog, così (spero) avrà un occhio di riguardo ;)

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...